Jump to content
Piano Concerto - Forum pianoforte
Frank

Il tuo account Facebook quando sei morto

Recommended Posts

Il tuo account Facebook quando sei morto

C'è una nuova opzione per indicare un "contatto erede" che se ne prenderà cura, prima che sia troppo tardi

 

http://www.ilpost.it/2015/02/12/account-facebook-morte/

 

 

 

_____________

 

Questa è veramente bella, chiedo se è possibile implementare la stessa funzione per il forum ... :D

  • Like 6

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

vero!... il forum.

 

Anch'io ogni tanto ci penso.

Più che altro penso allo sbattimento dei miei cari che proprio in quel brutto  (? :P ) momento devono avvertire miei cari amici, anche ormai lontani, ecc..

 

ogni tanto penso che bisognerebbe lasciare uno schema tipo "fissione incontrollata" :ph34r: con nomi e n. telefonici almeno di quelli che ci teniamo lo sappiano che siamo morti..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Visto che siamo sul tema lugubre il mio cruccio è che fine farà il mio sito.

Gli eredi non rinnovano l'abbonamento al server e dopo 30 giorni scompare tutto il lavoro di anni.

Se scrivi un libro finisce in una biblioteca e anche dopo tre secoli qualcuno potrà trovarci delle notizie per lui interessanti.

Per un sito invece un tecnico del server preme il tasto "Canc" e la passione di una vita scompare.

  • Like 3

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Che brutto pensiero...effettivamente molto angosciante. ..anche per me in qualità di utente..

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

In effetti Terenzio ...hai pienamente ragione.

Se scrivi un libro che abbia un senso penso che anche se finirà in una biblioteca, qualcuno prima o poi lo consulterà.

Io metterei mano al calamaio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Molto lugubre come pensiero comunque tutto può succedere, in questi casi è sempre bene conoscere in due gli accessi al sito in modo che qualcun altro possa portare avanti il lavoro o semplicemente tenere tutto in piedi così com'è...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Stesso discorso per tante altre cose ,ad esempio, le foto che noi tutti scattiamo in digitale quanti hanno la premura di stampare su carta le stesse? Ci limitiamo a metterle in una cartella del computer, o fare una copia da tenere su di un hard disk esterno, pur sapendo di poter perdere i ricordi almeno degli ultimi 10 anni,"adieu" alle immagini al mare, dei figli che crescono ecc.. <_< che grande! invenzione la carta.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Beh grazie a Dio adesso esistono i servizi cloud che hanno server di backup. Perdere dati li è possibile solo se viene annientato il genere umano e a quel punto ha poco senso parlare di dati non più accessibili.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Visto che siamo sul tema lugubre il mio cruccio è che fine farà il mio sito.

Gli eredi non rinnovano l'abbonamento al server e dopo 30 giorni scompare tutto il lavoro di anni.

Se scrivi un libro finisce in una biblioteca e anche dopo tre secoli qualcuno potrà trovarci delle notizie per lui interessanti.

Per un sito invece un tecnico del server preme il tasto "Canc" e la passione di una vita scompare.

E' un sito di tale interesse che dovrebbe essere sostenuto da una fondazione musicale! Oppure si potrebbe fare una sottoscrizione...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Terenzio ... fra le righe in un altro topic avevo suggerito di cercare un collaboratore :D ,chiaramente condivido il post di Red ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Terenzio ... fra le righe in un altro topic avevo suggerito di cercare un collaboratore :D ,chiaramente condivido il post di Red ;)

Avevo letto e ignorato il tuo precedente consiglio perché in fondo sono geloso del mio sito che è frutto di quasi dieci anni di lavoro.

Ogni tanto penso ad un collaboratore ma non saprei poi come gestirlo e dove trovarlo.

Si tratta di un lavoro talmente particolare e coinvolgente che si può fare solo per passione.

Comunque ci penso. Il maestro Dall'Ongaro presidente di santa Cecilia, mi ha fatto intravedere la possibilità in futuro di integrare il mio sito con il loro o di affidarlo ai ragazzi che gravitano intorno all'orchestra.

Vedremo. Comunque per ora vado avanti anche perché è un ottimo modo di trascorrere il periodo della pensione.

Recentemente la direttrice della Biblioteca di santa Cecilia mi ha detto che mi invidia perché lei sta li a girare scartoffie mentre io faccio delle ricerche molto più interessanti.

Il mio catalogo di Giovanni Sgambati, che non esisteva, sta diventando il riferimento per i musicologi. Per costruirlo ho girato tutte le biblioteche di Roma andando a scovare i manoscritti.

Stesso discorso per il catalogo di Ildebrando Pizzetti.

  • Like 4

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Avevo letto e ignorato il tuo precedente consiglio perché in fondo sono geloso del mio sito che è frutto di quasi dieci anni di lavoro.

 

Ho immaginato avessi fatto finta di niente ;),fai bene perchè è una bella creatura...ma deve "sopravvivere" nei secoli (diciamo almeno finchè ci sarà corrente)

 

Comunque sia leggo dal tuo post interessanti possibili evoluzioni.

  • Like 1

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Oggi ho chiamato l'assistenza del server che ospita il mio sito ed ho avuto l'occasione di parlare con il titolare della società.

Dopo aver esaminato i problemi tecnici che avevano originato la mia telefonata ne ho approfittato per porgli la domanda sul futuro del sito.

Risposta: Semplice, quando lo riterrà opportuno ci paga 20 anni di abbonamento anticipato. Trascorso questo periodo comunque i contenuti del sito saranno obsoleti.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Ibernazione come in America allora...i veri immortali sono gli autori e gli artisti grandi...

Fai qualcosa che serva all'umanità e ti guadagnerai l'immortalità...

Dal cuore ai cuori giusto?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

 

Gli eredi non rinnovano l'abbonamento al server e dopo 30 giorni scompare tutto il lavoro di anni.

Se scrivi un libro finisce in una biblioteca e anche dopo tre secoli qualcuno potrà trovarci delle notizie per lui interessanti.

Per un sito invece un tecnico del server preme il tasto "Canc" e la passione di una vita scompare.

Pensandoci bene non è molto lontano dal concetto di "macero"; un'azione sola che permette di buttare via tutto. A volte capita anche se dietro ci sono istituzioni, chiramente il mondo del privato si basa sulla disponibilità economica di qualcuno che può tenere in vita una determinata cosa.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

La parola "macero" mi fa venire in mente che in un lontano futuro archeologi dotati di tecnologie che oggi non possiamo immaginare, saranno in grado di leggere vecchissimi hard disk trovati in antiche discariche abbandonate, ricostruendo anche le parti che erano state cancellate.

Questo ci da la speranza che forse non tutto andrà perduto.

In fondo oggi lo facciamo con gli antichi papiri e con le lingue morte. Perché in futuro non potranno farlo anche con gli hard disk?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Due considerazioni Terenzio, la carta è fisica la memoria di un hardisk dipende dall'energia elettrica...la cosa peggiore che la carta si deteriora in x anni (abbiamo esempi milenari) i supporti magnetici si deteriorano in y anni (le case costruttrici garantiscono ... diciamo, 50 anni?)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Di solito ci sono server di backup quando si parla di siti internet. Finché si paga è molto difficile che si cancelli da solo qualcosa. Siamo ai limiti dell'impossibile. Starei tranquillo al posto tuo.

Al limite puoi pensare di fare un investimento di pagamento del sito per 100 anni. Almeno sei tranquillo che almeno per 100 anni il sito resta lì online. Tra le altre cose è buono anche per i motori di ricerca. Siti che hanno pagamenti di anni, sono favoriti dai motori di ricerca. 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Condividi su altri siti

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

×