Jump to content
Piano Concerto - Forum pianoforte
Frank

Primi ascolti

Recommended Posts

Su gentile richiesta di Faria, esordivo con questa domanda:

 

"Cosa proporreste di ascoltare ad un bambino di 7-8 anni che vi chiede di ascoltare della buona musica?"

 

Risposte più acclamate (a memoria in quanto non trovo più la lista):

 

- Pierino e il lupo di Prokofiev nelle proposte di Benigni ed Eduardo De Filippo); il CD con Eduardo contiene anche  ...

- ... Introduzione di un giovane all'orchestra di B.Britten, op 34

- la sinfonia dei giocattoli ascritta a Leopold Mozart

- Fantasia di Walt Disney

- Gli Aristogatti

- Lo schiaccianoci di Tchaikovsky

 

e altro. Se qualcuno volesse reintegrare la lista...la tengo aggiornata; potrebbe essere una buona guida all'ascolto per neo-papà.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tutte le rivisitazioni (serie) dei temi Disney in chiave Jazz

Pino Iodice ha creato vari arrangiamenti, molto interessanti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

In effetti ognuno di noi è partito da esperienze diverse - e tutte valide - per avvicinarsi al mondo della musica d'arte eppure all'epoca (7/8 anni fa?), tutti ci sentimmo di cercare esempi con "protagonisti" amici e vicini al mondo dei bambini.

 

Fenomeno interessante dei nostri tempi ... una cosa che quando io avevo 7 o 8 non mi sembra di ricordare o di aver mai osservato.

 

Oggi meglio musica "descrittiva" ad altro, forse per il nostro imbarazzo ad entrare nel mondo fantasioso infantile. Bisogna si riscoprire la loro fervida immaginazione, che può lavorare sul suono e non sui "personaggi", e lasciarla librare liberamente

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oggi meglio musica "descrittiva" ad altro, forse per il nostro imbarazzo ad entrare nel mondo fantasioso infantile. Bisogna si riscoprire la loro fervida immaginazione, che può lavorare sul suono e non sui "personaggi", e lasciarla librare liberamente

 

Quindi, mi par di capire, tu dici: via libera senza timori a musica senza un programma descrittivo?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Quindi, mi par di capire, tu dici: via libera senza timori a musica senza un programma descrittivo?

Di fatto siamo l'esempio vivente che non serve l'arrangiamento jazz dei temi Disney per avvicinarsi alla musica d'arte. Sicuramente proporre buona musica, con personaggi fantasiosi, che si presta  alle più pittoresche descrizioni può essere solo un contributo ma la scintilla può scattare grazie a qualsiasi ascolto. Oggi siamo fin troppo preoccupati di proporre la cosa "perfetta", nel momento "perfetto", nel modo "perfetto", etc ... tutto "facilitato" dalla tecnologia che fino a pochi decenni fa non c'era. Ora dico, cosa si ascoltava una volta? I dischi che c'erano in casa e dubito si trovasse Fantasia di Walt Disney :D eppure questo non ci ha vietato di amare l'arte.

 

Per cui, ben vengano facilitatori ... ma alla fine, cosa conta? 

Share this post


Link to post
Share on other sites

in effetti i miei primi ascolti furono una raccolta di dischi con composizioni varie anche molto impegnative, di varie epoche e stili pure orchestrali...consumai il disco dedicato al pianoforte con pezzi di chopin, mozart...niente di descrittivo. Avevo 5 o 6 anni...erano in casa e diventarono miei gelosamente custoditi...

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...

×
×
  • Create New...