Jump to content
Piano Concerto - Forum pianoforte

Rossini: Petite esse solennelle


carletto
 Share

Recommended Posts

A proposito della Petite Messe solennelle di Rossini, mi sono fatto un giro sul tubo ed ho trovato solo incisioni di livello per la versione orchestrata ma non dell'originale per 2 pianoforti e armonio
.

 

Dato che con i PC sono un po' scarso, qualcuno sa se è ascoltabile sul WEB sta messa nel suo organico originale?

 

Grazie

Link to comment
Share on other sites

Analizzando l'intro del Kyrie....azh! Rossini

 

8 battute di introduzione e sono in ginocchio:

 

Battuta 1 I

Battuta 2 I I6 IV V4->3

Battuta 3 I I6 IV56 V4->3/VI (Modulazione a mi minore)

Battuta 4 VI=I (mi minore) I6 II56 V4->3 (che risolve su Mi maggiore e per l'esattezza Mi7)

Battuta 5 V/ VII34 ? VIDE di Fa maggiore

Battuta 6 V46 .... V di La minore V7
Battuta 7 I

Battuta 8 V [46 54->3  (7)

 

Battuta 9 Finalmente I

 

Soprattutto da 5 in poi, mi perdo le funzioni tonali. Dove c'è ? a battuta 5 si tratta di un Sib7 di passaggio. Che ne dite?

Link to comment
Share on other sites

Analizzando l'intro del Kyrie....azh! Rossini

 

8 battute di introduzione e sono in ginocchio:

 

Battuta 1 I

Battuta 2 I I6 IV V4->3

Battuta 3 I I6 IV56 V4->3/VI (Modulazione a mi minore)

Battuta 4 VI=I (mi minore) I6 II56 V4->3 (che risolve su Mi maggiore e per l'esattezza Mi7)

Battuta 5 V/ VII34 ? VIDE di Fa maggiore

Battuta 6 V46 .... V di La minore V7

Battuta 7 I

Battuta 8 V [46 54->3  (7)

 

Battuta 9 Finalmente I

 

Soprattutto da 5 in poi, mi perdo le funzioni tonali. Dove c'è ? a battuta 5 si tratta di un Sib7 di passaggio. Che ne dite?

secondo me:

misura 5:

1 - Mi7 (V7 di Amin nella scala min armonica non della minore naturale)

2 - Sol#7° (vii7° di Amin nella scala min armonica)

3 - Sib7 -questo in effetti è il più "strano", nel senso di estraneo- io lo interpreto così: Sol#7° = Re7° (vii di Mibmin (sempre nella min armonica) che ha come V prorpio Sib7

4 - Do#7 (supergulp!) in efetti è la ger di Fa, ma che sarebbe più logico risolvesse sul Fa#, invece a battuta 6 c'è proprio Fa. Proverei dunque di nuovo a vederla in termini di scala minore armonica: Sol#7° = Fa7° (vii di Fa#min (sempre nella min armonica) che ha come V prorpio Do#7! e il Fa che c'entra? semplicemente è il VI di Lamin...

A cui segue il V7 ecc ecc...

 

Questo almeno è il modo in cui l’avrei intesa (a meno di sviste) se l’avessi dovuta scrivere io. In genere comunque ci possono essere parecchie interpretazioni nell’analisi di un pezzo e non è sempre facile capire da dove sia partito l’autore. In questo caso poi… magari Rossini si era fatto una bella bevuta ;) ;)

 

Link to comment
Share on other sites

A parte battuta 5 mi sembra tutto molto chiaro. modula a do maggiore, progressione che porta a mi minore anche se risolve a battuta 5 su Mi7. L'ultimo accordo di battuta 5 è una sesta tedesca di fa maggiore.

 

Restano i due accordi centrali di battuta 5 che sono praticamente un doppio cromatismo di passaggio.

 

Più che aver bevuto, Rossini è un grande musicista: instabilità armonica con pochi mezzi a disposizione ...proporzionando il tutto a quanto potremmo fare oggi ... 

 

... (peccato che sembriamo più ubriachi noi di lui :))

Link to comment
Share on other sites

A parte battuta 5 mi sembra tutto molto chiaro. modula a do maggiore, progressione che porta a mi minore anche se risolve a battuta 5 su Mi7. L'ultimo accordo di battuta 5 è una sesta tedesca di fa maggiore.

 

Restano i due accordi centrali di battuta 5 che sono praticamente un doppio cromatismo di passaggio.

 

Più che aver bevuto, Rossini è un grande musicista: instabilità armonica con pochi mezzi a disposizione ...proporzionando il tutto a quanto potremmo fare oggi ... 

 

... (peccato che sembriamo più ubriachi noi di lui :))

 

 

.... solo che usare sempre il "cromatismo di passaggio" è un po' semplificarsi la vita.....

Guardando anche prima e dopo, l'armonia usata qui, è proprio quella di una minore armonica (e questo a prescindere dal fatto che sia fatta così intenzionalmente o meno - e io credo di sì proprio perché si parla di un grande musicista :) )

Poi il Do#7 può anche essere una tedesca (che però ha un suo tipo di uso che io qui non sento - una tedesca che si sente:

 

 

dal 5'35'' )

 

o semplicemente un Do#7....

 

Voglio dire, se ci sono anche altre spiegazioni possibili ad un fenomeno, perché non prenderle in considerazione? male che vada si impara qualcosa di nuovo (anche sbagliando ovviamente ;) )

Link to comment
Share on other sites

Capisco Bianca, ma una sesta tedesca che va ad un accordo in secondo rivolto .. si sente chiaro come il sole :)

 

Fra l'altro fa maggiore è pure il sesto grado di la minore, per cui risulta una "banale" tonicizzazione.Interessante secondo me è invece lasciarla sospesa senza risolverla. In effetti Abate, qui è proprio il caso di scrivere I46...perchè V46 andrebbe V35...che non arriva. Per cui è proprio un primo di fa maggiore lindo in secondo rivolto

Link to comment
Share on other sites

Aggiungerei anche che è preceduta da una sesta italiana (tedesca senza la quinta)... per cui come dicevo è probabile l'abbia pensata come una tedesca. Ed è anche la cosa più ovvia. Ma visto che Abate ha espresso un dubbio... Secondo me lo autorizza anche il contesto prima e dopo: il Sim7b5 (bat2), il Rem7 (bat3), il Fa#m7b5 (bat4) e gli accordi di settima diminuita (prima e dopo la battuta 5) fanno tutti parte della scala minore armonica di La (compreso il Fa): da cui l'interpretazione "alternativa" :P . A meno che non sia errata (che potrebbe anche darsi), perché non considerarla? L'armonia si può utilizzare in tanti modi, ed è bella per questo. Perché allora non provarci?
Ricordo che una volta in facoltà proposi un modo alternativo di dimostrare il teorema di Pitagora: il metodo e la dimostrazione funzionavano, ma mi si contestò il fatto che la dimostrazione non poteva essere proposta perché era un modo non "tradizionale" di dimostrare il "più tradizionale" dei teoremi :huh::blink: .

Link to comment
Share on other sites

da cui l'interpretazione "alternativa" :P . A meno che non sia errata (che potrebbe anche darsi), perché non considerarla? L'armonia si può utilizzare in tanti modi, ed è bella per questo. Perché allora non provarci?

Da un lato è vero, però secondo me bisogna tenere conto di cosa poteva conoscere Rossini e che metodologie compositive a aveva a disposizione. Praticamente solo la tonalità...per cui tutto, volendo o non volendo, prende le mosse da questo.

 

Un'alternativa è possiible oggi perchè è passata tanta acqua sotto i ponti e oggi un compositore può esprimersi nella tonalità anche con percorsi che non si incastrano per forza nei giri ottocenteschi.

 

Per cui vanno ricercati i perni tonali ... e il resto è quello che ci sta in mezzo.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...