Jump to content
Piano Concerto - Forum pianoforte

francescochopin90

Membro
  • Content Count

    180
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    3

francescochopin90 last won the day on March 15 2017

francescochopin90 had the most liked content!

Community Reputation

13 Neutrale

5 Followers

About francescochopin90

  • Rank
    Membro Avanzato

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Città di residenza
    .

Recent Profile Visitors

1903 profile views
  1. Lo farà il falegname. In ogni caso... Non sarà toccato quello originale. Quindi nella peggiore delle ipotesi, non roviniamo nulla del pianoforte e del leggio originale!!! Ma è una mia sensibilità quella sul leggio? Sento un cambiamento radicale nel suono. Quando posso, lo tolgo proprio! È così bello quando si vedono muoversi i martelli. Per esempio riesco a constatare le note messe in evidenza parate dal paramartello e, tutte le altre, in caduta sul rullino; stessa cosa con un accordo: solitamente, se non è troppo forte, vengono parate le note più grave e più acute e in sospeso quelle intermedie. Ho un riscontro non solo uditivo, ma anche visivo. Poi amo il mio pianoforte, non voglio barriere fra me e lui!!! Ok, sono diventato pazzo 😅
  2. Sono stato in un negozio di falegnameria. Mi ha consigliato il poliuretano nero lucido. Abbiamo deciso di crearne uno da 0 e conservare integro quello già in possesso.
  3. Grazie mille, Paolo. A questo punto posso prendere una qualsiasi dimensione che andrà compensata con delle aggiunte per la cerniera. Mi sapresti consigliare il leggio migliore in termini di qualità? E il falegname vorrebbe sapere anche la vernice adatta (quindi quale dal catalogo ftp). Pensavo poi che il blocchetto che andrà giunto per l'astina, per una questione estetica, non deve essere verniciato in poliestere nero, ma un colore tipo giallo oro. Mi ha escluso anche la traforatura di quello già montato per una questione di identità dello strumento (quindi cobanservare da parte l'originale)
  4. Ho già visto. Purtroppo il più lungo è 90 cm e a me è da 94 cm. Poi non saprei come far posizionare il supporto d'ottone dietro.
  5. Buongiorno a tutti. Ho una domanda "strana" da porvi. Sul mio pianoforte mi trovo molto meglio a suonare a leggio abbassato (ancora di più se lo tolgo), mentre, alzandolo, non sento a pieno le potenzialità del pianoforte. La stessa cosa mi succedeva col vecchio pianoforte. Ho notato un video di Horowitz in cui eseguiva un concerto per pianoforte e orchestra con leggio del pianoforte tolto, adoperando un leggio per orchestrali di tipo snodabile. Mi palesava l'idea di sostituire del leggio solo la parte che si alza, ma sembra che al mio pianoforte ci siano differenze dai sistemi consueti (vi mando foto). Essendo poi un Pleyel sarebbe bellissimo poterci montare un leggio filologico in stile '800 (bellissimi quelli con la scritta Pleyel); l'importante è che sia abbastanza "vuoto" da non riflettere i suoni.
  6. Paolo, ma nel caso in cui si sostituiscano componenti di plastica con altre in legno, va rivista la piombatura? Oppure la cosa è trascurabile?
  7. Forse ho capito quello che vuoi dire. Praticamente ti ritrovi due set di martelli + astina + forcola perfettamente nuovi e funzionanti: uno montato e uno no. Tu vorresti, su uno dei due (quello smontato) far estrarre le teste Yamaha e far incollare delle perfette riproduzioni tedesche. In questo modo ti ritroveresti due set efficienti intercambiabili. Sai, era venuta anche a me un'idea simile ma poi mi è sorto un dubbio: nel riavvitare un martello, sono poi così sicuro di rispettare la giusta inclinazione? Per esperienza basta pochissimo per ruotare un martello e non avere più la stessa centratura di prima. Moltiplica X 88 tanti e X due SET di martelliere. Supponendo che le regolazioni possano andar bene per entrambe... Se non sbaglio Zimmerman si è fatto costruire ex novo un nuovo castello con tastiera e meccanica perfettamente identico, facendo variare poi regolazioni e intonazione. Ecco, questa potrebbe essere una soluzione più saggia, ma... alquanto costosa!!! Andare ogni volta a manomettere una meccanica... non saprei...
  8. Ciao. Mi sapreste consigliare un software per Android adatto alla registrazione del pianoforte? Ho provato varie app e il suono risulta sempre scuro con le frequenze alte soffocate, talvolta taglienti. So di non poter pretendere una registrazione professionale con un cellulare, però, se possibile, fare delle registrazioni decenti e quanto più possibile realistiche rispetto al suono del mio pianoforte. Dove conviene posizionare il cellulare?
  9. Ho visto qualche video di questo strumento ma non ho capito benissimo di che si tratta. Potrei avere qualche delucidazione?
  10. Rispondo dopo 5 anni ma vale la pena per i forumisti dare la risposta al problema. Ho tralasciato per un po' questo pianoforte (pianoexpert conosce un po' la storia del mio mezzacoda e la sua sostituzione avvenuta di recente). Ho deciso di rimettere a nuovo anche questo bel verticale che nel frattempo ha subito anche qualche conseguenza un po' data dall'età e un po' dal non averlo curato, preso dalle rogne che mi dava il mezzacoda precedente. Ma ora merita che le mie energie e cure amorevoli vadano anche a lui. Ho fatto portare l'intero pianoforte in laboratorio per una ricontrollata generale strutturale e meccanica. Sostituita la martelliera con una identica fornendo alla Abel (contatto avuto dal pianofortaio - si dice così? - con Abel in Germania). Inviati martelli, modello e numero di matricola e avrebbero pensato loro al resto. Quindi sono tornati in Italia i nuovi martelli completi, con stiletto e noce. In fase di intonazione a domicilio si valuterà se necessiterà anche di impregnazione. Una volta tornati in laboratorio, è stato eliminato un leggero strato di peluria sulle teste. Sostituite molle, controllo generale degli attriti, sostituite le forcole degli scappamento, le bretelline, feltri e pelli varie. La parti buone sono state invece pulite per cercare di conservare quanto più possibile l'originalità dello strumento. Stato delle corde e del somiere eccellente. E ora veniamo alla questione della domanda: è stato trovato il ponticello relativo alle corde dei bassi completamente scollato! Però devo dire che manteneva l'accordatura molto a lungo, forse non influisce più di tanto? Comunque è stata reincollata e riavvitata. Vi terrò aggiornati sul risultato.
  11. Figurati, anzi, scusami il tono 😊 Potrei gentilmente sapere le specifiche di regolazione per questo strumento?
  12. Mah non è che abbia questa grande insoddisfazione, è la sala che rimbomba. In un video dicesti proprio che l'ideale sarebbe regolare gli smorzi in base al l'acustica e addirittura in base al repertorio, non cosa sempre fattibile. Sinceramente riesco a lasciare chiari i fraseggi col pedale destro. Pensavo alla regolazione degli smorzi per estremizzare un po' il tutto e perfezionando ancora meglio il pedale.
  13. Ma poi penso che questo aspetto vada visto dopo l'accordatura che comunque tende a dare un'idea di maggiore smorzo dei suoni. Giusto?
  14. Volevo chiedere consigli su una regolazione che pensavo per la meccanica degli smorzi. Intendevo farla ritardare alla prossima messa a punto per far ritardare l'azione degli smorzi durante la corsa del tasto di quel poco che basta a rendere più brevi gli staccati, senza rendere troppo disagevole il legato. Però pensavo una cosa che non so se si faccia o se sia fattibile: se invece di farli alzare tutti insieme, si rendesse l'azione più ritardata nei bassi e via via più precoce verso gli acuti fino al punto in cui gli smorzi non ci sono? Si può fare? Che conseguenze potrei avere?
×
×
  • Create New...