Jump to content
Piano Concerto - Forum pianoforte

Non so più suonare


pio1
 Share

Recommended Posts

Salve a tutti. Frequento il conservatorio da anni e studio il pianoforte da moltissimo, ultimamente non riesco più a studiare come si deve, perdo facilmente la concentrazione e tutto quello che studio il giorno dopo lo dimentico, per non parlare del fatto che irrigidisco la mano e creo tensione su tutto il braccio. In poche parole non so più suonare, questo mi demoralizza. Il perché credo che sia il non avere più un motivo o obbiettivo.Vi è mai capitata una cosa del genere? Come faccio a superarla? 

Link to comment
Share on other sites

  • 3 weeks later...

Pio,

musicalmente bisogna accertare le ragioni di questa rigidezza, che è , senz'altro, sintomo di intendere le energie e lo sviluppo tecnico in modo errato. Non bisogna detestarsi se ci si "resetta" un po', magari prendendo un pezzo facile e studiarlo secondo nuovi principi. Ricordo che nel mio passato ( remoto) del mio corso di studi mi "sbloccai" con il primo dei 60 studi di Cramer. Quel giorno mi abbandonai alla gravitazione e le dita sopportarono finalmente questa gravitazione, assumendo la posizione che volevano avere. Con l'ausilio dei movimenti di rotazione e partecipazione coordinata dei grandi muscoli, venne fuori una velocità notevole e soprattutto un coordinamento delle due mani che si trovavano finalmente sui principali accenti forti. Recentemente ho ritrovato questi principi su di un libro meraviglioso di Monique Dechausser , grande pianista e grande insegnante, dal titolo L'homme e le piano. Purtroppo in francese, ma facile da leggere. Lei sostiene appunto la ripartenza da un punto-zero, dove tutto è fuori tensione e ci permette di conoscere dove sia il "fondo del tasto". L'energia proviene non dalla "palestra " dell'addestramento muscolare bensì dalla capacità di mettere i piccoli e i grandi muscoli, il più possibile, fuori tensione. Ho applicato questi principi su diversi allievi, quasi sempre con ottimi risultati. Mozart stesso diceva che per un pianista è importante il cervello, il cuore e le dita....notare che le dita sono all'ultimo posto. La tecnica pianistica non può essere sviluppata in modo sano senza valutare l'aspetto mentale. L'addestramento puro non fa altro che ripetere i movimenti, a volte, senza coscienza e quindi succede che dopo un giorno ci sediamo al pianoforte e scopriamo che non ci è rimasto che poco o niente di quello che abbiamo studiato, o meglio ripetuto, il giorno prima.

Quindi il mio suggerimento, seguito da un buon Maestro, è quello di destrutturare molto e iniziare di nuovo con nuove e facili letture, applicando nuovi principi

Buono studio

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

Loading...
 Share

×
×
  • Create New...