Jump to content
Piano Concerto - Forum pianoforte

mike71

Membro
  • Content Count

    4
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

mike71 last won the day on Ottobre 14

mike71 had the most liked content!

Community Reputation

3 Neutrale

About mike71

  • Rank
    Nuovo Iscritto

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Città di residenza
    TORINO
  1. Lo dico da ingegnere in tutt'altro campo, ma ci sono diversi studi di ingegeria ed arhitettura che hanno esperienza in isolamento acustico. Isolamento acustico e trattamento acustico di un ambiente sono cose completamente diverse. Mettendo dei pannelli fonoassorbenti è vero che si isola un po', ma non è il loro scopo. Paradossalmente se fai un pavimento flottante e sopra all'MDF metti delle lastre di marmo, otterresi una stanza con un discreto riverbero ma acusticamente isolata. Del resto ci sono in commercio altoparlanti fatti di pietra http://www.musicalstones.com/index.html
  2. mike71

    "Pianoforte libero"

    Ho letto questa discussione ed a me la cosa che e` subito venuta in mente e` "sala prove". Anche perche` immagino che qualcuno magari voglia registrare un brano e gradisca usare un pianoforte a coda. Da una ricerca su Google pare che ci sia qualcuno che ci ha gia` pensato. Bisogna vedere quali siano i costi, ovviamente.
  3. mike71

    Due Mondi

    Assolutamente vero quello che dici. Bach ha usato alcune tecniche armoniche che si sono perse nella musica romantica, per poi ricomparire nel jazz e nella musica del '900, e riesce a dire qualcosa anche se suonato con un Commodore 64. Se si parla del pianoforte esiste un particolare che lo pone in una situazione diversa rispetto a molti altri strumenti per la musica popolare. Adesso una tastiera 88 tasti digitale pesata te la porti dietro perchè pesa 12 kg. Negli anni '70 te la cavavi con un pianofote elettrico da 120 kg divisibile in due pezzi, ma nel 1950 un pianoforte come minimo pesava 250 kg, mentre una fisarmonica od una chitarra erano comunque strumenti trasportabili. Lo studio del pianoforte quindi era una cosa di per sé più impegnativa e costosa, anche adesso credo che per un negozio che tratta pianoforti acustici ce ne siano una decina che tratta chitarre e strumenti a fiato, e quindi tendeva ad essere strumento meno "popolare". Mi fermo qui, ma esiste un terzo incomodo...
  4. mike71

    Saluti da Torino

    Ciao a tutti, sono Michele, ho 47 anni, ed abito a Torino, per chi conosce i venditori di pianoforti vicino a Chenna. Ho iniziato a studiare in tarda età e per circa due anni ho avuto un maesto piuttosto bravo, che però un bel giorno trovò lavoro in un'orchestra in Germania e quindi smise di dare lezioni nella capitale subalpina. Ho quindi continuato a studiare da solo, sul mio Casio bianco, ma senza maestro è in effetti più complicato. Purtroppo vivendo in mansarda diventa complicato avere un pianoforte acustico ed in ogni caso avendo tempo per studiare per lo più alla sera e dopocena un digitale mi servirebbe comunque per non aver problemi con i vicini.
×