Jump to content
Piano Concerto - Forum pianoforte

Fulvio

Membro
  • Content Count

    40
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

Fulvio last won the day on November 19 2017

Fulvio had the most liked content!

Community Reputation

4 Neutrale

About Fulvio

  • Rank
    Membro

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Città di residenza
    Cosenza

Recent Profile Visitors

437 profile views
  • Rik

  1. Volevo domandare agli esperti se la corretta posizione che il pianista deve assumere sedendo sulla panchetta è esattamente in corrispondenza della "meta" del pianoforte, oppure può essere leggermente decentrata in base al brano da eseguire. Nella fattispecie, sto studiando Chopin (op 69 n 2) e posizionandomi sulla panchetta "leggermente" a destra rispetto al centro dello strumento ottengo un beneficio in termini di affaticamento del braccio sinistro. Ringrazio anticipatamente.
  2. Auguri di un sereno Natale e di un felice anno nuovo
  3. Grazie a tutti per i suggerimenti. In effetti il tipo di memoria che utilizzo credo sia quella che definite "cinetica". Bisogna lavorare...
  4. Dopo aver studiato un brano riesco a suonarlo a memoria (quella che viene indicata come memoria di mano). Ma a volte ho come dei vuoti di memoria e mi perdo. Ed ecco la necessità dello spartito. E qui il dubbio: lo spartito va letto nota per nota mentre si suona oppure va seguito come un aiuto, magari "a battute" ... giusto per non perdersi?
  5. Vorrei avere qualche esperienza riguardo l'esecuzione di un brano con lettura dello spartito. Intendo, il pianista (voi tutti) "legge" con consapevolezza la musica che sta suonando, nota per nota, oppure lo spartito e' piu' che altro un aiuto nel caso di vuoti di memoria cui dare un'occhiata di tanto in tanto? In tal caso, per chi e' ancora agli inizi a vostro parere e' consigliabile leggere comunque pedissequamente lo spartito durante l'esecuzione, dopo averlo studiato, anche se cio'implica un rallentamento dell'esecuzione stessa? Grazie
  6. Beh, immagino che volendo investire quelle cifre per uno strumento, opzionare una tastiera in avorio naturale sia la soluzione piu' logica.
  7. Perdonate, ma i pianoforti di pregio attuali (penso ad uno steinway D) montano tastiere in avorio sintetico oppure naturale (utilizzando delle partite di riciclo)?
  8. Nel solfeggio utilizzo questi movimenti: https://www.google.it/search?q=solfeggio+con+la+mano+sinistra&client=ms-android-samsung&prmd=vin&source=lnms&tbm=isch&sa=X&ved=0ahUKEwjQ75Lw-YTXAhWBSBQKHXRlBX0Q_AUIEygC&biw=360&bih=560#imgrc=dKOY53JP8rZtvM: Per curiosità, volendo utilizzare la mano sinistra invece della destra i movimenti sono gli stessi oppure si invertono sul secondo e terzo tempo (destra / sinistra). Grazie
  9. Intendo dire che queste salviette contengono alcol. E il dubbio e' che tale sostanza finirebbe per contatto con le dita sulla tastiera... danneggiandola. Mi pare comunque un po' forzato come ragionamento. Penso che tali salviettine possano essere utilizzate
  10. Beh... su alcuni tasti vedo dei piccoli graffi. Ma essendo il rivestimento in plastica (immagino) non credo sia il caso di intervenire. Ritornando al discorso pulizia, mi chiedevo se e' valida l'alternativa delle salviette umidificate (tipo fresh & clean) per pulire le dita prima di cominciare a suonare (invece di lavare le mani con acqua e sapone). Sarebbe comodo averne una confezione pronta sul pianoforte prima dell'uso. Grazie
  11. Con quale frequenza, orientativamente, pulite la tastiera del vostro pianoforte? Ho notato che per quanta cura si possa avere (personalmente lavo sempre l mani prima di cominciare), la tastiera si sporca rapidamente. Non so se sull'acustico e sul coda sia lo stesso, ma sul digitale soprattutto sui tasti neri il grip diminuisce. Grazie
  12. Si, moto retto ascendente e discendente. E si, ho studiato la teoria e conosco le tre "coincidenze" nelle scale maggiori. Il mio maestro mi ha fatto cominciare da DO#, poi FA#, poi SI e poi il gruppo DO, SOL, RE, LA, MI che hanno medesima diteggiatura, però al contrario (da MI a DO). Sostiene che partire da DO magg. non è consigliabile perchè è più "rognosetta" delle altre non avendo tasti neri. E ha perfettamente ragione. In attesa di riprendere le lezioni passo al gruppo FA, SI b, MI b e LA b. Però non conosco le diteggiature, perciò ho chiesto lumi. Poi si passa alle minori (naturale, melodica e armonica). Ci metterò un bel pò. Ma, studio del pianoforte e "fretta di far tutto" mi sà che non vanno d'accordo. Grazie a tutti.
  13. Grazie! Tornerò a disturbare per la scala di SIb...
  14. Sto studiando il Circolo delle quinte. Ho imparato le scale maggiori in senso ascendente (DO....DO#). Adesso vorrei fare quelle con i bemolle. Chiedo gentilmente se la diteggiatura corretta della scala di FA maggiore (su 4 ottave) è la seguente: mano sinistra: mano destra: Grazie!
×
×
  • Create New...