Jump to content
Piano Concerto - Forum pianoforte

Giuseppe79

Membro
  • Content Count

    4
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

1 Neutrale

About Giuseppe79

  • Rank
    Nuovo Iscritto

Profile Information

  • Sesso
    Non lo dico
  • Città di residenza
    Fasano

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Grazie mille per la puntuale ed esauriente risposta. Approfitterei tuttavia della sua disponibilitá per qualche ulteriore dubbio: Mi conferma quindi che sto procedendo nella maniera giusta per eliminare il gioco sotto la noce dunque agendo sul perno pilota anzichè utilizzare delle cartine? Relativamente al rimbalzo da lei menzionato l'ho avvertito su qualche tasto ma ottimizzando la regolazione dello scappamento è scomparso. Volendo comunque fare una prova, come si procede per ridurre la distanza martello-corda? La cosa che mi viene in mente è mettere uno spessore dietro il feltro di riposo del martelletto ma dubito sia la procedura giusta. Logicamente riducendo questa corsa si creerá nuovamente il gioco sotto la noce e dovrei svitare ulteriormente sia i perni pilota che quelli dei bottoni dello scappamento, giusto?
  2. Ciao a tutti ho recentemente acquistato un verticale in discrete condizioni. La marca è Balthur e credo sia degli anni 80, a differenza di quanto scrissi nella sezione delle presentazioni dove ero orientato su altro. Logicamente c'è qualcosa da rivedere ma quantomeno non ha nulla di rotto. In primis ho notato che i tasti pigiati appena appena hanno un leggero gioco quindi ho svitato i piloti (mediamente di un giro completo) in modo da eliminare il gioco tra il montante di scappamento e la noce ma evitando comunque attrito tra essi. Il gioco è scomparso ma di conseguenza il martelletto scappava a circa 1 cm dalle corde quindi ho svitato un pò le viti dei bottoni di scappamento e adesso i martelli scappano a pochi mm dalle corde. Sto procedendo bene o andava risolto mediante gli spessori sotto i perni di centro? Intanto ho ordinato le rondelle di carta per ottimizzare il livellamento della tastiera. Per quanto riguarda l'affondo dei tasti e la distanza martello corda misurano rispettivamente 10mm circa e 4,7 cm. A proposito di quest'ultima misura ho notato che il feltro di riposo del martelletto è abbastanza incavato in corrispondenza di ogni asta...ciò vuol dire che si è modificata la distanza M-C originaria? Inoltre ci sono due tasti rumorosi. Uno è dovuto all'attrito al perno di centro e dovrei sostituire il cachemire, ma dove posso trovarlo? Nell'altro tasto invece il rumore è come se fosse una vibrazione metallica e si avverte quando viene battuta la corda (spero scompaia quando verrà accordato) Scusate per tutte queste domande e vi prego, nel caso vi va di rispondere, di tenere presente che sto apprendendo adesso tutti i termini tecnici ...insomma spiegatemelo "col cucchiaino"
  3. Ciao a tutti... Pur non essendo un pianista ma uno che strimpella su una tastiera mi è venuto un gran desiderio di avere un pianoforte a casa. Suonare, anche se male, mi rilassa molto e ho deciso che nella casetta di campagna che sto ristrutturando (trulli ad alberobello) deve esserci questo fantastico strumento. Chiaramente un po' per il budget un po' perché non ne sfrutterei neanche l'1% delle potenzialità mi sto orientando su un qualcosa di molto economico: ho trovato un Hubel (russo???) degli anni 90 in discrete condizioni a meno di 300 € che vorrei imparare a sistemare. In realtà uno dei motivi che mi ha spinto a cercare un piano acustico è proprio il desiderio di impararne la meccanica, ma questo aspetto spero di approfondirlo nell' apposita sezione con i vostri preziosi consigli, che sono attualmente la mia lettura preferita
×
×
  • Create New...