Jump to content
Piano Concerto - Forum pianoforte

Ross

Membro
  • Content Count

    1
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

0 Neutrale

About Ross

  • Rank
    Nuovo Iscritto

Profile Information

  • Sesso
    Femmina
  • Città di residenza
    Bologna
  1. Ciao a tutti! Innanzitutto mi presento: ho quasi 40 anni e suono il pianoforte, con molti alti e bassi, come hobby da quando ero bambina, anche se mai ad un livello eccelso. Non ho ambizioni da concertista, né tanto meno voglia di tornare al Conservatorio. A casa dei miei genitori ho sempre suonato uno Schimmel verticale da 110 cm, con cui mi trovo benissimo. Dovendo ora prendere un pianoforte tutto mio per la mia nuova casa, dove sono l’unica a suonare, con un budget massimo di 6.000 €, sono molto combattuta tra: - Kawai K200 nuovo con sistema Any Time AX2 di fabbrica; - Schimmel 1/4 di coda da 155 cm usato del 1982, che prenderei da un privato, ex studente del Conservatorio. I prezzi dei due strumenti si equivalgono, anche se le condizioni non sono certo le stesse (sul nuovo avrei la garanzia di 5 anni e di 2 sul sistema silent; 2 accordature e trasporto in omaggio; etc.). Abito in una villetta bifamiliare in campagna, con mio marito ed un bebè in arrivo. Anche da qui nasce l’idea di scegliere un pianoforte silent, così magari lo suonerei anche mentre il bambino riposa oppure di sera dopo il lavoro. Purtroppo un pianoforte con un silent di fabbrica mi impone di scegliere tra Yamaha e Kawai. Pur riconoscendo la superiorità tecnologica del primo (soprattutto sui sistemi SH e TA), preferisco Kawai per il timbro più dolce, misterioso ed in generale più adatto al mio repertorio (Chopin, Schumann, Schubert, etc.). Un pianoforte digitale, scusate, ma non lo prendo neanche in considerazione... Sto cercando di considerare tutti i fattori in gioco, come l’eventuale rivendibilità un domani, il prestigio delle due marche, etc. Veniamo quindi alle mie domande: 1. A parità di prezzo, qual è il vostro parere sui due strumenti, sulla base della vostra esperienza, della qualità del suono e dell’affidabilità della meccanica? 2. E' giusto in questi casi, per un acquisto così “emozionale” come quello di un pianoforte, fare anche dei ragionamenti di natura economica sulla futura svalutazione dello strumento? Cioè, il Kawai nuovo lo compro oggi a 6.000 € e tra un anno ne varrà 3.000; lo Schimmel invece, essendosi già in gran parte svalutato, potrei un domani rivenderlo grossomodo alla stessa cifra che pago oggi. È corretto? 3. Lo Schimmel lo conosco bene; il Kawai K200, invece, è uno strumento affidabile? Un rivenditore (Yamaha) che ho sentito mi ha parlato malissimo delle parti interne in carbonio anziché in legno, e del fatto che nessuno possa prevedere cosa succederà con la meccanica di questi pianoforti tra 10, 20 o 30 anni... E' vero? Grazie in anticipo per le vostre risposte e a presto!
×
×
  • Create New...