Vai al contenuto


Foto

Diario Musicale


  • Please log in to reply
365 replies to this topic

#41 Frank

Frank

    Veterano

  • Super Moderatore
  • 3.663 Messaggi:
  • Città di residenza-

Inviato 16 maggio 2013 - 08:06

Il 16 maggio 1868 a Praga viene data la prima esecuzione di Dalibor di Bedřich Smetana.
DUBedrich Smetana : Dalibor (Ouverture)



Bedrich Smetana (1824-1884) Dalibor : Opera in Three Acts Libretto: Josef Wenzig & Ervin Spindler Vl...
Noi, esseri finiti, personificazioni di uno spirito infinito, siamo nati per avere insieme gioie e dolori; e si potrebbe quasi dire che i migliori di noi raggiungono la gioia attraverso la sofferenza” (L.V. Beethoven)

#42 danielescarpetti

danielescarpetti

    Membro Avanzato

  • Membro
  • 988 Messaggi:
  • Città di residenzaCastel San Pietro Terme

Inviato 16 maggio 2013 - 18:10

Friedrich Gulda

(Vienna, 16 maggio 1930 - Weissenbach, 27 gennaio 2000)




Gulda è un pianista della mia adolescenza. A lui rendo questo omaggio che mi permette di ascoltare l'Imperatore. Mi chiedo spesso fra il Quarto e il Quinto quale sia il mio preferito fra quelli beethoveniani ma penso che non riuscirò mai a venirne a capo!

#43 Frank

Frank

    Veterano

  • Super Moderatore
  • 3.663 Messaggi:
  • Città di residenza-

Inviato 16 maggio 2013 - 22:41

Il 17 maggio 1866 nasceva a Honfleur Erik Satie (Honfleur, 17 maggio 1866 – Parigi, 1 luglio 1925).

Erik Satie: "Je te veux" - Valse chantée (original)



Text: Henry Pacory Sopran: Sigune von Osten Klavier: Armin Fuchs
Noi, esseri finiti, personificazioni di uno spirito infinito, siamo nati per avere insieme gioie e dolori; e si potrebbe quasi dire che i migliori di noi raggiungono la gioia attraverso la sofferenza” (L.V. Beethoven)

#44 danielescarpetti

danielescarpetti

    Membro Avanzato

  • Membro
  • 988 Messaggi:
  • Città di residenzaCastel San Pietro Terme

Inviato 17 maggio 2013 - 17:53

Pietro Mascagni

Cavalleria Rusticana

Pietro Mascagni

prima rappresentazione: Roma, Teatro Costanzi, 17 maggio 1890




Quanto ho amato e amo tutt'ora quest'opera.

#45 Frank

Frank

    Veterano

  • Super Moderatore
  • 3.663 Messaggi:
  • Città di residenza-

Inviato 17 maggio 2013 - 19:36

Pietro Mascagni

Cavalleria Rusticana

Pietro Mascagni

prima rappresentazione: Roma, Teatro Costanzi, 17 maggio 1890




Quanto ho amato e amo tutt'ora quest'opera.

...per gli interessati un eventuale approfondimento
www.pianoconcerto.it/forum/index.php?/topic/957-cavalleria-rusticana
Noi, esseri finiti, personificazioni di uno spirito infinito, siamo nati per avere insieme gioie e dolori; e si potrebbe quasi dire che i migliori di noi raggiungono la gioia attraverso la sofferenza” (L.V. Beethoven)

#46 danielescarpetti

danielescarpetti

    Membro Avanzato

  • Membro
  • 988 Messaggi:
  • Città di residenzaCastel San Pietro Terme

Inviato 18 maggio 2013 - 08:15

Johann Jakob Froberger

(Stoccarda, 18 maggio 1616 - Héricourt, 7 maggio 1667)



Froberger fu un importante compositore del clavicembalo e, fra le altre cose contribuì a trasmettere la tecnica del nostro grande Girolamo Frescobaldi nella Germania meridionale, unendo il tutto a spunti provenienti dalla tradizione francese.

ps: Frank, oggi sono arrivato prima io, ma non ti preoccupare c'è solo l'imbarazzo della scelta in questa giornata.

#47 Frank

Frank

    Veterano

  • Super Moderatore
  • 3.663 Messaggi:
  • Città di residenza-

Inviato 18 maggio 2013 - 09:02

Il 18 maggio 1897 a Parigi venne data la prima esecuzione de L'apprendista stregone di Paul Dukas.

Ferenc Fricsay - Paul Dukas "L'Apprenti Sorcier"


Ferenc Friscay conducts "L'Apprenti Sorcier" (Sorcerer's Apprentice) by Paul Dukas. Berliner Philhar...
Noi, esseri finiti, personificazioni di uno spirito infinito, siamo nati per avere insieme gioie e dolori; e si potrebbe quasi dire che i migliori di noi raggiungono la gioia attraverso la sofferenza” (L.V. Beethoven)

#48 danielescarpetti

danielescarpetti

    Membro Avanzato

  • Membro
  • 988 Messaggi:
  • Città di residenzaCastel San Pietro Terme

Inviato 18 maggio 2013 - 11:12

Gustav Mahler

(Kalischt, 7 luglio 1860 - Vienna, 18 maggio 1911)



Mahler e il suo ciclo sinfonico, ovvero uno dei più belli e importanti in assoluto. Ognuno può preferire la sinfonia che crede, sono tutte dei capolavori. La mia preferita è questa!




L'Ottava Sinfonia di Gustav Mahler, detta “Dei mille”, composta in sole otto settimane nell'estate del 1906, così chiamata per l'enorme impiego di persone, fra corali e orchestrali, si chiude, come nella sinfonia lisztiana, con il testo del Faust II di Goethe, tanta è grande e commovente la sua bellezza:

Ogni cosa che passa
è solo una figura.
Quello che è inattingibile
qui diviene evidenza.
Quello che è indicibile
qui si è adempiuto

L'eterno Elemento Femminile
ci trae verso l'alto.

« (...) Ho appena finito la mia Ottava. E’ la cosa più grande che io abbia fatto finora (…) Provate ad immaginare che l’universo cominci a produrre musica e risuonare. Non sono più voci umane, ma pianeti e soli che ruotano. (...)
E’ un dono alla Nazione (…). Le altre mie opere sono tragiche e soggettive. Questa è una grande dispensatrice di gioia (…). E’ stata come una visione fulminea: improvvisamente tutto stava davanti ai miei occhi (…). Per caso mi è recentemente capitato tra le mani un vecchio libro, e l’ho aperto sull’inno “Veni creator spiritus”, e d’un tratto tutto mi sta davanti: non solo il primo tema, ma l’intero primo tempo.»

Si può, a giusta ragione, dire che i grandi corpus sinfonici tedeschi si aprirono con le nove sinfonie beethoveniane e si conclusero con le nove – la decima rimase incompleta – di Mahler. Per un caso storico-culturale, i due grandissimi compositori, si trovano agli antipodi di un processo musicale durato praticamente un secolo e, molto significativamente, la loro opera fu caratterizzata dalla chiara e inequivocabile volontà di esprimere un messaggio che travalicasse la musica in sé.

In Beethoven, uomo vissuto fra la fine del Settecento e l'inizio dell'Ottocento, avulso da idee illuministiche, il messaggio fu di carattere universale. “Dal cuore possa raggiungere altri cuori”, questa frase che il compositore scrisse all'inizio della partitura della sua “Missa Solemnis”, può essere ben riassuntiva del messaggio e dello spirito di gran parte della sua arte e delle sinfonie in particolare.
In Mahler, vissuto fra la fine dell'Ottocento e l'inizio del Novecento, un periodo storico dove le grandi illusioni furono ormai irrimediabilmente tramontate e dove, un certo “mal di vivere” sempre più marcatamente serpeggiante si affacciò, segnando tragicamente la fine di un'epoca, fu il dolore più intimo, più personale che venne messo in musica attraverso le sue Sinfonie.
Fa eccezione questa sua Ottava Sinfonia che, si può dire a giusta ragione, ritornò in pieno a quello spirito tipicamente beethoveniano di universalità e fratellanza. In essa infatti, Mahler riuscì ad uscire dall’ambito delle proprio personali sofferenze per pronunciare uno slancio d’amore, per chiamare i popoli ad un abbraccio universale. La Storia, in quel periodo, fu ormai senza appello, indirizzata verso una direzione catastrofica, ma il compositore volle, almeno per un istante della sua tormentata vita non rassegnarsi, ed in un atto estremo si rivolse al genere umano intero per cercar di far comprendere: « le grandi cose » come alternativa alla crisi individualista. La sua Sinfonia si svolge in due parti: la prima: incentrata sul testo medievale del “Veni creator spiritus”, la seconda sulla scena finale del “Faust II” di Goethe. Il grandissimo compositore non invocò tanto lo spirito santo dell’ortodossia religiosa ma vide nell’anello che congiunge i due testi, « un amoroso principio motore dell’universo » che è invocato in un passo cruciale del primo movimento:

Accende lumen sensibus
infonde amorem cordibus


e che fece risalire - come si evince in una lettera indirizzata alla moglie Alma – a Platone, per poi riconoscerlo nuovamente in Goethe.

Il grande direttore d'orchestra, Bruno Valter, amico intimo personale del compositore, così disse: « (…) Goethe risplendeva come un sole nel cielo del suo mondo spirituale. »

L’anno dopo, nel 1907, le cose per Mahler purtroppo precipitarono irrimediabilmente per davvero: la morte della figlioletta e poco dopo la scoperta di uno scompenso cardiaco che da lì a quattro anni lo portò alla morte e, comprensibilmente, il compositore ritornò con la sua grande “Nona”, con “Das Lied von der Erde” (Il canto della terra) e con l’Adagio della sua incompiuta Decima al suo pessimismo più estremo.


#49 BackSpace

BackSpace

    Membro Avanzato

  • Membro
  • 163 Messaggi:
  • Città di residenza-

Inviato 18 maggio 2013 - 12:30

Non molti conoscono il compositore ungherese Karl Goldmark, nato appunto il 18 maggio 1830

http://it.wikipedia....i/Karl_Goldmark


Karl Goldmark - Sakuntala Overture, Op. 13 (1865)

Sakuntala - Overture for Orchestra, Op. 13 (1865)

A concert overture by Hungarian composer Karl Goldmark (1830-1915), based on the story of Shakuntala from the Indian epic Mahabharata. In this episode of the tale, Shakuntala is the daughter of Vishwamitra and the apsara Menaka, but she is abandoned and reared by the wise sage Kanva, who lives in a secluded hermitage. She grows up to be a lovely, though naive young woman. One day, while Kanva is away on a pilgrimage with the sages of the hermitage, Dushyanta, king of Hastinapura, happens upon the hermitage while out hunting, and he falls in love with Shakuntala. He gives her a signet ring and asks her to come to see him at his court. When the irritable sage Durvasa returns with Kanva from the pilgrimage and discovers what had passed, he curses Shakuntala and casts a spell that causes Dushyanta to forget about her existence. The only way for Shakuntala to reverse the curse is to go directly to the King and show him the signet ring. On her way to the palace, Shakuntala loses the ring while crossing a river. When she arrives at the King's court, he has no recollection of her and orders her to leave. Alone and disconsolate, Shakuntala returns to the hermitage. Meanwhile, the ring had been swallowed by a fish, and by coincidence, a fisherman caught the fish and brought the ring to the King. He realizes his mistake, but it is too late - he must go to war with the Titans. Many years later, after returning from the war, Dushyanta passes through the same forest; he recognizes Shakuntala playing with their son.

Conductor: András Korodi
Budapest Philharmonic Orchestra

#50 danielescarpetti

danielescarpetti

    Membro Avanzato

  • Membro
  • 988 Messaggi:
  • Città di residenzaCastel San Pietro Terme

Inviato 18 maggio 2013 - 14:49

A concert overture by Hungarian composer Karl Goldmark (1830-1915), based on the story of Shakuntala from the Indian epic Mahabharata. In this episode of the tale, Shakuntala is the daughter of Vishwamitra and the apsara Menaka, but she is abandoned and reared by the wise sage Kanva, who lives in a secluded hermitage. She grows up to be a lovely, though naive young woman. One day, while Kanva is away on a pilgrimage with the sages of the hermitage, Dushyanta, king of Hastinapura, happens upon the hermitage while out hunting, and he falls in love with Shakuntala. He gives her a signet ring and asks her to come to see him at his court. When the irritable sage Durvasa returns with Kanva from the pilgrimage and discovers what had passed, he curses Shakuntala and casts a spell that causes Dushyanta to forget about her existence. The only way for Shakuntala to reverse the curse is to go directly to the King and show him the signet ring. On her way to the palace, Shakuntala loses the ring while crossing a river. When she arrives at the King's court, he has no recollection of her and orders her to leave. Alone and disconsolate, Shakuntala returns to the hermitage. Meanwhile, the ring had been swallowed by a fish, and by coincidence, a fisherman caught the fish and brought the ring to the King. He realizes his mistake, but it is too late - he must go to war with the Titans. Many years later, after returning from the war, Dushyanta passes through the same forest; he recognizes Shakuntala playing with their son.

Conductor: András Korodi
Budapest Philharmonic Orchestra


Caspita chi l'avrebbe mai detto! e....per chi non sa l'inglese? Che fa? Continua a non conoscerlo il compositore! :roadrage:

#51 danielescarpetti

danielescarpetti

    Membro Avanzato

  • Membro
  • 988 Messaggi:
  • Città di residenzaCastel San Pietro Terme

Inviato 18 maggio 2013 - 15:12

Isaac Albéniz

(Camprodón, 29 maggio 1860 - Cambô-les-bains, 18 maggio 1909)




#52 GoffredoLiguri

GoffredoLiguri

    Membro Avanzato

  • Membro
  • 103 Messaggi:
  • Città di residenzaPisa

Inviato 18 maggio 2013 - 16:18

Caspita chi l'avrebbe mai detto! e....per chi non sa l'inglese? Che fa? Continua a non conoscerlo il compositore! :roadrage:


In effetti anche su Wiki c'è poco niente

http://it.wikipedia....i/Karl_Goldmark

#53 danielescarpetti

danielescarpetti

    Membro Avanzato

  • Membro
  • 988 Messaggi:
  • Città di residenzaCastel San Pietro Terme

Inviato 18 maggio 2013 - 21:30

18 maggio 1935

prima esecuzione assoluta nel Philarmonic Auditorium (The Temple) di Hollywood della Suite in sol+ per orchestra d'archi di Arnold Schoenberg,dirige Otto Klemperer




#54 danielescarpetti

danielescarpetti

    Membro Avanzato

  • Membro
  • 988 Messaggi:
  • Città di residenzaCastel San Pietro Terme

Inviato 18 maggio 2013 - 21:38

Juan de Cabezón

(Castrillo de Matajudìios 1510 - Madrid 18 maggio 1566)




#55 danielescarpetti

danielescarpetti

    Membro Avanzato

  • Membro
  • 988 Messaggi:
  • Città di residenzaCastel San Pietro Terme

Inviato 18 maggio 2013 - 21:47

18 maggio 1918

nasce a Plovdiv (Bulgaria) il basso Boris Kirilov "Christoff)



Boris Christoff è stato uno dei più grandi bassi della storia.

#56 Frank

Frank

    Veterano

  • Super Moderatore
  • 3.663 Messaggi:
  • Città di residenza-

Inviato 19 maggio 2013 - 08:21

Il 19 maggio 1886 a Londra Camille Saint-Saëns diresse la prima esecuzione della sua Sinfonia no.3 op.78.



Saint-Saëns - Symphony No.3 'Organ' - Martinon

Camille Saint-Saëns (1835-1921) Symphony No.3 in C minor Op.78 'Organ' Orchestre National de....
Noi, esseri finiti, personificazioni di uno spirito infinito, siamo nati per avere insieme gioie e dolori; e si potrebbe quasi dire che i migliori di noi raggiungono la gioia attraverso la sofferenza” (L.V. Beethoven)

#57 danielescarpetti

danielescarpetti

    Membro Avanzato

  • Membro
  • 988 Messaggi:
  • Città di residenzaCastel San Pietro Terme

Inviato 19 maggio 2013 - 11:01

19 Maggio 1726
prima esecuzione assoluta (per la festa della Trinità) nella Thomaskirche di Lipsia di "Gelobet sei der Herr, mein Gott" BWV.129, cantata sacra in 5 numeri (1.coro, 2.aria, 3.aria, 4.aria, 5.coro) per soprano, contralto, basso, coro a 4 voci e orchestra di Johann Sebastian Bach.




Sublime!



#58 danielescarpetti

danielescarpetti

    Membro Avanzato

  • Membro
  • 988 Messaggi:
  • Città di residenzaCastel San Pietro Terme

Inviato 19 maggio 2013 - 11:16

Charles Ives
(Danbury, 20 ottobre - 19 maggio 1954)



Che dire? A me piace tantissimo!



#59 danielescarpetti

danielescarpetti

    Membro Avanzato

  • Membro
  • 988 Messaggi:
  • Città di residenzaCastel San Pietro Terme

Inviato 19 maggio 2013 - 11:19

http://www.youtube.com/watch?v=JAJEkDIp01w


Dedicata a mio figlio Mattia che oggi compie 13 anni.

Auguri Mattia!



#60 Frank

Frank

    Veterano

  • Super Moderatore
  • 3.663 Messaggi:
  • Città di residenza-

Inviato 20 maggio 2013 - 08:27

Il 20 maggio 1950 a Firenze venne data la prima esecuzione de Il Prigioniero di Luigi Dallapiccola.
Luigi Dallapiccola - Il Prigioniero / Der Gefangene (Rosbaud, 1955)

LUIGI DALLAPICCOLA - IL PRIGIONIERO (DER GEFANGENE - GERMAN VERSION) Opera in un prologo e un atto s...
Noi, esseri finiti, personificazioni di uno spirito infinito, siamo nati per avere insieme gioie e dolori; e si potrebbe quasi dire che i migliori di noi raggiungono la gioia attraverso la sofferenza” (L.V. Beethoven)




1 utente(i) stanno leggendo questa discussione

0 utenti, 1 ospiti, 0 utenti anonimi