Jump to content
Piano Concerto - Forum pianoforte

ilDBT

Membro
  • Content Count

    9
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

0 Neutrale

About ilDBT

  • Rank
    Nuovo Iscritto

Profile Information

  • Sesso
    Non lo dico
  • Città di residenza
    Arona

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. riprendo al volo la questione rimasta sospesa anche se noto assenza di discussioni nella sezione studio... ciò che volevo introdurre, ma forse non è stato colto, era una parziale critica al tipo di divulgazione sull'insegnamento della tecnica pianistica posto come base che non si può insegnare via web e sia necessaria la presenza del Maestro, la divulgazione è invece possibile ed è sempre stata perseguita, fin dai tempi di Clementi... la bibliografia sulla tecnica pianista è ad oggi vasta, ma quello che noto è una insistenza a mio parere eccessiva sulle tematiche iner
  2. Grazie della lettura, segnalo anche l'articolo sul NYT, interessante per altri aspetti (differente adattabilità dei pianisti): https://www.nytimes.com/2020/11/12/arts/music/piano-tuning.html
  3. Yamaha NP12, tastiera (piano) portatile a 5 ottave. Se qualcuno l'ha provata o la possiede mi dice come sono tasti, meccanica, peso? grazie
  4. Cercherò di non divagare troppo. Rubinstein e il peso della spalla che arriva alle sue dita portentose. Ecco che senza volerlo abbiamo già detto tutto. Peso della spalla. Dita portentose. Maurizio Pollini è uno dei pianisti viventi che racconta di quest'altro istruttivo giochetto (questo del peso) che Rubinstein evidentemente amava fare ai suoi adepti (l'altro giochetto è quello della tecnica da tavolo citato sopra). Amo Rubinstein per la sua simpatia e perspicacia. Ma come pianista mi sembra ormai lontanissimo. In altre parole sento più vicini a me Michelangeli e Horowitz, due
  5. Non so quanto sia ancora diffusa questa tipologia di studio ma credo che i pianoforti digitali abbiano reso la cosiddetta "tastiera muta" obsoleta. La "tastiera muta" storica che io sappia aveva una dimensione modesta, 4 ottave a volte meno, dunque risultava facilmente trasportabile e collocabile. Per contro i digitali portatili di oggi sono minimo da 5 ottave, ma per avere una buona meccanica di simulazione devi puntare sugli 88tasti (mod top di oggi è la VPC1 Kawai). Pertanto si parla di almeno 20kg per 135cm di tastiera. Posseggo una tastiera muta di fabbricazione a me ignota, sup
  6. ho girato il link perché era tutto sommato recente... ma sono cosciente di come queste cose siano state dette e scritte molte volte a me rimangono sempre i dubbi sul tipo di esposizione e/o divulgazione cioè la mano di colui che illustra i principi è sempre una mano già pianisticamente formata io auspicherei un video che mostra gli stessi principi con un allievo in scena, un allievo con la mano fragile fragile... magari è già stato fatto?
  7. ilDBT

    Buonasera

    grazie; più che un quesito sono considerazioni sparse sullo studio tecnico... adesso riordino le idee e scrivo
  8. non conoscevo, segnalo anche a voi... https://www.youtube.com/watch?v=fU4cxT6f-Kg
  9. ilDBT

    Buonasera

    Ciao a tutti quanti. Da molto tempo volevo iscrivermi. Adesso è arrivato il momento... ilDBT sta per "il dilettante ben temperato" il che dice tutto di me o quasi. il mio quesito iniziale riguarda le "tastiere mute", magari ne avete già parlato...? Eviterei nel caso di aprire un nuovo thread cmq a presto
×
×
  • Create New...