Jump to content
Piano Concerto - Forum pianoforte

michelerossini

Membro
  • Content Count

    4
  • Joined

  • Last visited

  • Days Won

    1

michelerossini last won the day on December 24 2018

michelerossini had the most liked content!

Community Reputation

1 Neutrale

About michelerossini

  • Rank
    Nuovo Iscritto

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Città di residenza
    Milano

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Ciao Paolo, grazie per la risposta. Mi dici di far controllare questa lista di cose perchè sono fondamentali per la meccanica ? Grazie Michele
  2. Salve a tutti , scrivevo per chiedere qualche consiglio , anche se so già che non sarà molto semplice , su alcune difficoltà che incontro sul "mio pianoforte" da studio per musica classica che è uno Yamaha U1 con silent. Incontro nel suonarlo una "durezza marmorea" con relativo poi dolore sugli avambracci sia sui flessori che per gli estensori avambraccio. Ho provato altri pianoforti sia Yamaha e altri con meccaniche decisamente pesanti (dai petrof a agli schimmel ) e nulla di tutto ciò : per provare non intendo che ci ho suonato un quarto di ora ma ho provato sessioni di studio anche di due ore con: - scale arpeggi - Czerny e Loeschhorn - studio di classici da preludi -invenzioni di Bach , Sonatine Clementi o Beethoven. Per questa difficoltà che incontro sul mio piano e che ho fatto presente sia all' insegnante che a degli accordatori (2 in realtà )che mi sono venuti a verificare il piano : quest' ultimi mi hanno riferito che non ci sono problemi e che il mio piano ha tutto nuovo dalla a alla z nel senso che a loro dire è un rigenerato nel vero senso del termine ossia fatto con tutti i crismi e magari fossero rigenerati tutti cosi'. Sta di fatto che io incontro queste difficoltà palesi e costanti per cui ho dovuto organizzare lo studio facendo delle frequenti pause anche su un ora o oretta e mezza di studio ,ogni 10-15 minuti di effettiva digitazione. Detto questo visto che vorrei continuare a studiare il piano con assiduità e più ore (cosa che non faccio per via dei dolori) chiedevo gentilmente se potete darmi delle indicazioni in merito al piano per la regolazione della meccanica o meglio se ci sono delle cose che posso riferirvi io in maniera che vi possiate fare voi un idea e io capire meglio. La mia idea è quella di cambiare il piano e non prenderlo con il Silent che non ho mai utilizzato oltretutto , visto che gli stessi accordatori che mi sono venuti a vedere il piano mi hanno riferito che modificarlo è costoso e che non si sa di preciso a quale risultato effettivamente riuscirebbero ad arrivare. Io sinceramente sono molto confuso e un pò frustato dalla cosa per cui vi ringrazio anticipatamente per ogni vostro consiglio o considerazione in merito. Michele
  3. Grazie mille Simone. Gentilissimo.
  4. Salve a tutti , mi chiamo Michele ho 45 anni e studio pianoforte classico anche se ho iniziato veramente in età adultissima...!!! Scrivevo oltre che per condividere ovviamente pareri , dubbi , passioni sul piano e sulla musica soprattutto per chiedere qualche consiglio , anche se so già che non è molto semplice , su alcune difficoltà che incontro sul mio pianoforte da studio che è uno Yamaha U1 con silent. Prima di spiegarvi un pò la cosa che è afferente principalmente alla "durezza marmorea" che incontro studiando sul "mio pianoforte" chiedevo se è la sezione corretta o ce nè una ad hoc per esplicitare un pò il tutto. Ringraziando tutti anticipatamente e vista il periodo colgo l 'occasione per farvi gli auguri per le festività. Michele Rossini
×
×
  • Create New...