Jump to content
Piano Concerto - Forum pianoforte

Daigs

Membro
  • Content Count

    4
  • Joined

  • Last visited

Community Reputation

0 Neutrale

About Daigs

  • Rank
    Nuovo Iscritto

Profile Information

  • Sesso
    Maschio
  • Città di residenza
    Castrovillari

Recent Profile Visitors

The recent visitors block is disabled and is not being shown to other users.

  1. Buonasera, ho fatto la misurazione con calibro, l'affondo è tra 10 e 11 mm verificato su quasi tutta la tastiera, per cui da quanto appreso dal maestro è il valore corretto per tale tipo di pianoforte. Il let-off avviene quasi con martelletti a contatto con le corde, circa un millimetro o quasi contatto sulla parte centrale della tastiera, qualcosa meno sulle note gravi. Se trovassi chi mi regola seriamente il pianoforte non starei a chiedere qui, non ho problemi per 300 o 400 euro da spendere. Sottolineo però seriamente. Giusto per mettere le mani al mio yu1, le metto io e regolo i bottoncini di scappamento facendo un giro in più alla vite e risolvo. Ma non sono sicuro che questa sia la via giusta e soprattutto l'ordine giusto. per il maestro: la dicitura dito di scappamento è riportata qui nella legenda della meccanica verticale punto 5 http://www.sectioaurea.com/scuola/pianoforte.htm Grazie saluti.
  2. Grazie per le risposte. La cosa che mi sorprende è che si sente forte il punto di scappamento quando si suona con velocity bassa. Il tasto "scatta" ad un certo punto, ma solo nei piano e pianissimo. Mentre con l'altro pianoforte verticale con meccanica renner il punto di scappamento non si avverte quasi per niente, il passaggio è dolce. Talmente lo scatto fa attrito nei piano e pianissimo che in un accordo mi capita che alcune note scendono a fondo prima di altre, risultando in un accordo non sincronizzato. Vorrei sapere quanto è l'affondo da misurare in questo pianoforte. Ho provato ad inserire circa 2 mm di spessore con del plexiglass tra il dito di scappamento (jack) e il bottone di blocco scappamento sul peggiore tasto su cui si presenta il fenomeno (il si sotto il do centrale). Con tale spessore il fenomeno è risolto, sarei pertanto tentato di regolare una trentina di bottoni con l'apposita vite. Ma mi sembra strano che il piano abbia perso 2 mm di altezza su così tanti bottoni di scappamento... Per regolare l'altezza dei tasti ho letto che il maestro consiglia di inserire della carta sotto la barra di legno nella zona dei bilancieri. E' corretto? Potrei avere qualche dettaglio in più? Grazie mille per erudirmi sulla materia.
  3. Piccolo aggiornamento, il fenomeno è chiamato bobbling hammers ma sebbene se ne discute in diversi siti inglesi, le cause e quindi le soluzioni possono essere tante. Non ho difficoltà con l'inglese ma questi siti trattando un vocabolario tecnico su parti di pianoforte non mi consentono di comprendere bene. Non ho scritto che il piano è appena arrivato dopo un lungo trasporto in furgone, pertanto forse ha bisogno di una registrazione generale e sicuramente da quanto sento di una accordatura. Grazie a chi potrà suggerirmi come risolvere.
  4. Salve ho acquistato un piano usato yamaha matricola relativamente recente modello yu1. La prima cosa che mi ha sorpreso guardandolo bene dentro è la presenza della leva di ripetizione in resina e non in legno e del rullino cilindrico di blocco anche. Il resto è tutto legno.So di kawai ma non yamaha che introduce parti in plastica nei suoi made in japan. È normale secondo voi per un piano che nuovo costa 10.000 euro? Comunque vado al problema. inizio a suonarlo e noto che nei piano e pianissimo si sente lo scatto dello scappamento verso il fine corsa tasto, forse tanto, da far arrivare nelle seste suonate piano e lente una nota prima e una dopo dato che non tutti i tasti offrono la stessa resistenza di scappamento. Ho un altro piano acustico da anni e questo scatto è quasi impercettibile e dolce. Ma la cosa più grave è che ripetendo con bassa velocitá alcune note, 5-6 in totale queste producono talvolta un suono ribattuto con 2 note ravvicinatissime tipo come se il martelle facesse un rinculo dopo la prima percussione. Questo provoca tanta noia all'esecuzione ed all'ascolto. Posto un video dove è più facile capirmi. Nel video solo talvolta la nota si ribatte da sola in particolare all'ultimo si e al primo re. Se si suona con forte e mezzo forte il problema non appare. Il piano appare quasi nuovo internamente inclusi i martelli poco usurati, sembra abbia fatto pochi kilometri... Cortesemente qual è il vostro giudizio? grazie.
×
×
  • Create New...